Scoprendo Toronto

Poiché durante queste settimane ho vagato e vagabondato a non finire per le vie di questa meravigliosa città, ho deciso di buttar giù e mettere per iscritto una sorta d’itinerario delle cose “da vedere”. Più che un itinerario vero e proprio, si tratta di una serie di consigli in base a ciò che ho amato di più. Considerata la dimensione di Toronto e la quantità di cose da vedere questo, con ogni probabilità, è solo il primo di una serie di percorsi-tipo.

Durante la prima settimana vivevo in un ostello situato a Cabbagetown, un ex quartiere operaio e proletario molto vicino al centro.

L’ostello in cui soggiornavo si trova lungo Carlton Street e per poter raggiungere il vero e proprio centro della città (Downtown) si può attraversare uno dei tanti parchi presenti in Toronto: gli Allan Gardens. Attraversati questi giardini, molto frequentati dai senzatetto, si può proseguire su Gerrard St. e poi svoltare in Yonge St., una delle arterie principali della città: una lunghissima strada ricca di negozi e locali di qualunque genere. Con ogni probabilità la via più caratteristica che vedrete durante la vostra visita: colorata ed eclettica sono i primi due aggettivi che mi vengono in mente.

All’incrocio con Dundas Street si trova la Yonge-Dundas Square, una piazza che, sin dalla sua realizzazione, è uno dei simboli più caratteristici di questa città. La piazza è perennemente illuminata da enormi schermi e il modello di riferimento è chiaramente Times Square.

Da qui consiglio di addentrarvi nell’enorme centro commerciale “Toronto Eaton Centre” e perdervici. Si tratta dell’attrazione che attira e accoglie il maggior numero di turisti in tutta Toronto; un gigantesco complesso strutturato su più piani in cui è possibile trovare negozi di ogni tipo e per ogni tasca. Al piano inferiore è situata la Food Court, ossia tutta l’area dedicata al cibo. Dopo svariate ore, carichi di borse e col portafoglio molto più leggero riemergete e proseguite su Queen St W; alla vostra destra potete vedere il tribunale e, appena dopo, la celeberrima Nathan Phillips Square con la scritta TORONTO circondata dai turisti intenti a farsi le foto. Ebbene sì, qui il selfie è d’obbligo.

Proseguite su Queen Street W, un’altra delle vie principali della città per quanto riguarda il traffico e lo shopping. Dopo aver superato l’imponente University Avenue potete scegliere una via qualunque per svoltare a sinistra e trovarvi immersi nel quartiere di Entertainment District, un’area della città particolarmente famosa per i suoi teatri, cinema e locali notturni.

Perdetevi tra le sue vie, scoprite i suoi segreti, bevete della buona birra e infine andate dritti verso la famosissima CN Tower. Questo edificio è, con ogni probabilità, l’elemento più caratteristico dello skyline di Toronto, facilmente riconoscibile in ogni foto. Diventerà la vostra migliore amica, un punto di riferimento fondamentale per non perdersi in questa città: ogni volta che non sapete dove siete o come tornare a casa, alzate lo sguardo e cercate la Torre. Accanto ad essa si trova anche l’Acquario, un’altra attrazione assolutamente da vedere.

Dopo aver girato in lungo in largo, puntate dritti verso il lago. Il lago Ontario è grandissimo ma, nonostante questo, non è neanche lontanamente il più esteso fra i grandi laghi. Quando vi trovate di fronte all’acqua la percezione è quella di essere in un altro posto, non può essere certamente la stessa città in cui eravate qualche ora fa, piena di negozi e centri commerciali! E invece no, Toronto è anche questo. Annusate l’aria e il vento proseguendo sul lungo lago fino a Yonge Street. Qui dovrete, a malincuore, lasciarvi alle spalle l’Ontario, per risalire la città fino a Front St.

Svoltate a destre e poco più avanti v’imbatterete nel Gooderham Building, conosciuto anche come Flatiron building, ossia edificio a Ferro da Stiro. Questo soprannome è dovuto alla sua forma triangolare e schiacciata tra due vie. In questo punto è d’obbligo fermarsi a fare più foto possibili, l’edificio rosso si scaglia su uno sfondo di grattacieli altissimi e ipermoderni regalando un suggestivo contrasto molto fotogenico. Molto vicino si trova il St. Lawrence Market, il principale mercato coperto della città. Da qui in pochissimi minuti potete raggiungere Distillery Distric: qui caffè, pub e negozi hanno trovato casa all’interno di una vecchia distilleria della “Gooderham and Wort Limited”. Tra la fine del ‘800 e la prima metà del ‘900 la fama di questa distilleria era talmente grande che il Gooderham building fu fatto costruire proprio per essere la sede degli uffici di questa compagnia. Anche in questo caso si tratta di uno dei luoghi più fotografati e fotografabili della città, perciò libero sfogo alla fantasia!

Birra, selfie e a casa a dormire!

Se siete arrivati fino alla fine, complimenti! Le cose mi sono sfuggite di mano e mi sono fatta prendere dall’entusiasmo 🙂

Schermata 2018-05-17 alle 14.20.58

Annunci

Autore: aliceintotheworld

Alice. 27 anni. Italia. Netflix addicted. Animal lover. Archeologa. Disoccupata. Alla scoperta del mondo. Prima tappa: Canada.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...